[general.choose your language]

Tutti possiamo salvare una vita

FIRMA QUI  

Download the Call for Support in: BG, CZ, DE, EN, ES, FR, HU, IT, NL, PL, PT, RO


Cos’è il plasma?

Il plasma è un componente fondamentale del sangue (55% del suo volume totale). É la parte liquida del sangue, di color paglierino trasparente, che resta dopo aver rimosso globuli rossi, globuli bianchi, piastrine e altri componenti cellulari. Il plasma trasporta nel corpo acqua, sali e proteine.

Ogni anno nell'Unione europea vengono diagnosticati sempre più pazienti con disturbi potenzialmente letali legati alle proteine ​​plasmatiche[1]. Ciò significa che nel loro organismo vi è una carenza o una mancanza di alcune proteine. In molti casi i plasmaderivati (PDMP, plasma-derived medicinal products) rappresentano l’unica opzione di trattamento per queste gravi malattie.

Perché il plasma è importante?

  • 300,000 pazienti in tutta Europa si affidano ai plasmaderivati (per il trattamento di una varietà di patologie rare e croniche e/o genetiche oltre a malattie gravi e spesso letali).

  • Per coloro che soffrono di queste malattie, i plasmaderivati sostituiscono le proteine di cui il soggetto è particolarmente carente.

  • Senza tali cure molti pazienti non sarebbero in grado di sopravvivere o vedrebbero la propria produttività e qualità della vita ridursi in modo sostanziale.

  • Il plasma umano è la materia prima – unica e indispensabile - per la produzione di farmaci plasmaderivati.

  • Ogni anno aumenta l’esigenza di donazioni di plasma per soddisfare la crescente necessità clinica di medicinali plasmaderivati.

  • È bene precisare che servono oltre 130 donazioni all’anno per curare un singolo paziente affetto da immunodeficienza primaria.

  • Il plasma da convalescente e il plasma iperimmune sono tipi di plasma prelevati dai pazienti che sono guariti da un’infezione. Gli anticorpi presenti nel plasma sono proteine in grado di contribuire a combattere l’infezione.

Da dove viene il plasma in Europa?

  • Il plasma non può essere prodotto artificialmente in laboratorio. Il plasma - con le sue proteine salvavita - può essere ottenuto solo da donatori sani che generosamente dedicano un po’ del loro tempo per donarlo

  • Il plasma può essere ottenuto da donazioni di sangue intero o prelevato direttamente tramite un processo denominato plasmaferesi (con cui si ottiene plasma da aferesi)

In Europa, il 39% del plasma viene raccolto dai servizi di raccolta del sangue pubblici e delle ONG (principalmente tramite plasma recuperato)
Il 24% viene raccolto tramite plasmaferesi dal settore privato in Europa
Per il restante 37%, l’Europa ricorre al plasma importato prelevato negli Stati Uniti


Le donazioni di plasma quest’anno sono leggermente calate a causa della pandemia di COVID-19 e del relativo clima di incertezza percepito dai donatori. Ciò va ad aggiungersi alla già scarsa disponibilità di plasma europeo. Il calo delle donazioni può potenzialmente limitare l'accesso dei pazienti alle terapie plasmaderivate. Abbiamo bisogno del tuo aiuto!

Come puoi aiutarci?

È molto più semplice di quanto pensi. #DonaPlasma. La buona notizia è che tutti possiamo salvare una vita.

  • Se pensi che in Europa serva più plasma per soddisfare la crescente domanda di plasmaderivati da parte dei pazienti

  • Se vuoi chiedere ai rappresentanti politici di mettere in atto le politiche più idonee a livello europeo o nazionale per aumentare in modo significativo la raccolta di plasma in Europa


Firma questa petizione, già sostenuta da:

  • Claudia Gamon, Deputato al Parlamento europeo, Renew Europe (Austria)
  • Stelios Kympouropoulos, Deputato al Parlamento europeo, EPP (Grecia)
  • César Luena, Deputato al Parlamento europeo, S&D (Spagna)
  • Manuel Pizarro, Deputato al Parlamento europeo, S&D (Portogallo)

  • Frédérique Ries, Deputato al Parlamento europeo, Renew Europe (Belgio)

  • Otilia Stanga, Gruppo di difesa, Romania   
  • Bernard Grimm, EuropaBio
  • Danuta Tomkiewicz, Paziente, Polonia
  • Marta Zarajczyk, Paziente, Polonia
  • Daria Jully, Paziente, Polonia
  • Agata Tobola, Paziente, Polonia
  • Beata Garbaciak, Paziente, Polonia
  • Justyna Kukuła, Paziente, Polonia
  • Frank Willersinn, Paziente, Belgio
  • Bernd Dobbert, Paziente, Germania
  • Karin Modl, Paziente, Austria
  • Román Gómoz, Paziente, Spagna
  • Susana Moratilla Sanz, Paziente, Spagna
  • Paz Mompart, Paziente, Spagna
  • Jose Antonio Blanco Fernandez, Paziente, Spagna
  • Ma del Pilar del Rio, Paziente, Spagna
  • Lourdes Pousada, Paziente, Spagna
  • Nicole Schönfelder, Donatore, Germania   
  • Matthias Heck, Donatore, Germania
  • Piotr Kolbusz, Donatore, Polonia
  • Amy Efantis, Donatore, Stati Uniti
  • Uschi Bruchmeier, Personale sanitaria, Germania  
  • Barbara Cokic, Personale sanitaria, Germania    
  • Guilherme Ferreira, Personale sanitaria, Portogallo
  • Mary Uhlenhopp, Personale sanitaria, Svizzera
  • Pilar Arroyo, Personale sanitaria, Spagna
  • Magdalena Santo Tomás Pérez, Personale sanitaria, Spagna
  • José Antonio Cid Garcia, Personale sanitaria, Spagna
  • Kristel De Gauquier, Personale sanitaria, Belgio
  • Kim Zimmer, Accompagnatore, Germania
  • Isabel Garcia, Accompagnatore, Spagna
  • Jurate Svarcaite, Belgio
  • Javier Goyanes, Spagna
  • Monika Derecque-Pois, Belgio
  • Marie Elena Cárdenas, Spagna
  • Franziska Kunz, Germania
  • Ricardo Pereira, Portogallo

Chi siamo

La Plasma Protein Therapeutics Association (PPTA) è impegnata a promuovere la disponibilità e l'accesso a terapie a base di proteine plasmatiche sicure ed efficaci per i pazienti di tutto il mondo.


[1] Deficienze immunitarie, polineuropatie immuno-mediate, angioedema ereditario, deficit di alfa 1-antitripsina, emofilia e altre malattie emorragiche nonché immunodeficienze secondarie causate da terapie antitumorali.